Riunione

Oratorio di San Paolo.

Sabato 28 ottobre siamo riusciti a parlare con Don Mario Neva. Crediamo abbia accolto con entusiasmo la nostra iniziativa. Gli abbiamo chiesto un aiuto per il progetto, e lui si è mostrato molto disponibile a procurarci dei contatti con missionari e laici che si occupano di volontariato in est Europa e Africa. Speriamo che da questa collaborazione possa nascere il nostro famoso progetto definitivo ArgoGiovani…

Capitolo Roma 2008: sempre sabato 28 ottobre siamo andati a parlare all’Istituto Canossiano di riferimento per riuscire a carpire il maggior numero di informazioni sicure prima dell’incontro chiarificatore del 4 novembre.

1) Il nostro gruppo è formato da 6 provincie: Brescia, Milano, Verona, Padova, Roma e Catania. Dobbiamo creare insieme uno spettacolo all’incirca di 2-3 ore. Ognuno dei 6 gruppi avrà una parte specifica in questo spettacolo le cui linee guida saranno decise insieme il 4 novembre. Chiaramente l’argomento deve centrare in qualche maniera con l’istituto canossiano e il suo messaggio. In particolare una parte dello spettacolo tratterà proprio la storia di S. Maddalena di Canossa. La nostra parte è una delle più libere, ma anche una delle più corte, all’incirca 20 minuti, in cui dobbiamo rappresentare la speranza per i giovani nel futuro. Il luogo dove si svolgerà l’opera sarà una chiesa. Quindi per le scenografie, fondamentale sarà l’uso del computer, e il resto ce lo dovremo portare da casa. Il pernottamento, previo ampio margine di avviso per il numero di persone presenti, avrà luogo all’interno del convento canossiano o nella parrocchia di riferimento. Roma sarà la prima tappa di uno spettacolo che toccherà sicuramente le città di Brescia, Milano e Verona.

2) Le ragazze hanno deciso comunque di proporre il loro balletto e i pezzi scelti saranno: “Oh Fortuna” dei “Carmina Burana” e “Se crederai” brano tratto dalla colonna sonora del cartone “Il Principe d’Egitto”. Presa per buona la loro volontà abbiamo costruito sul significato dato a questi balli una rappresentazione scenica. L’idea è quella di modernizzare l’Amleto di Shakespeare. Quindi dopo una lunga discussione siamo arrivati alla stesura definitiva della nostra opera che sarà una specie di musical in parte cantato e in parte recitato. Il testo completo sarà pronto per venerdì 3 novembre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>