È il Primo Giorno di Primavera

…ma per me
è solo il giorno
che ho perso te…

… cantavano nel lontano ’66 i Dik Dik … chissà forse qualcuno se la ricorda ancora…

Stamattina mi son svegliato con questa canzone per la testa, sarà forse stato un caso, però oggi è proprio il primo giorno di primavera, strane combinazioni della vita.

Comunque, come ogni giorno me ne sono andato al lavoro e ancora avevo in mente la canzone; sapete come succede no? quando hai un motivetto in capo e poi non riesci più a togliertelo dalla testa? Beh, salgo su per le scale, mi metto ad aprire le ante delle finestre per fare entrare un po’ di sole ed ecco che il pensiero sulla primavera fa largo a qualcos’altro.

Veduta sulla pianuraEra da quando son tornato dalla Romania che ogni giorno, appena arrivato al lavoro fotografavo il sorgere del sole sui campi accanto alla sede del laboratorio; la natura, la campagna rumena mi avevano messo in testa una strana idea: fotografare ogni giorno, per un anno intero, dallo stesso punto del davanzale della stessa finestra per montare poi il tutto in una sequenza filmata; sequenza che avrei poi condiviso con voi, pochi (ma buoni ^_^) utenti del sito di ArgoGiovani.

Peccato che il progetto di un “tributo alla natura” si è trasformato da stamattina in un improbabile prospetto di lavoro ingegneristico

Si perché non è più il campo incolto autunnale, bianco di neve d’inverno, colmo di fusti di mais d’estate o fiorito in primavera che mi son trovato di fronte questa mattina, ma una distesa di cemento e asfalto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>