EstPortiamo – Storico Progetti – Ottobre 09

EstPortiamo

PROGETTI EST-PORTIAMO

Storico del mese di Ottobre 2009

OPERAZIONE: “LA FABBRICA DI CANDELE”

Data: Ottobre 2009

Richiedente: Caritas diocesana di Mocacevo – Transcarpazia Ua

Durante l’estate il direttore della Caritas di Znojmo, nella Repubblica Ceca, ci ha trasmesso in dono materiali e attrezzature per allestire una fabbrica di candele. Grazie a questo aiuto saremo in grado di dar lavoro a 2-3-4 persone disabili che, in quanto tali, non sarebbero in grado di trovare altri posti di lavoro; tra questi un handicappato di 23 anni di una famiglia che conosciamo, di Viskovo. Questa famiglia ha tentato in passato di intraprendere un’attività lavorativa di questo tipo, ma senza successo per carenza di risorse e di aiuto. Due persone della Caritas di Znojmo, a tale scopo, si sono recate presso questa nostra famiglia per istruirla sulle tecniche necessarie a fabbricare candele.

La richiesta di aiuto: La “fabbrica” ora è quasi pronta per partire, ma quel che ci occorre ora è trovare risorse per poter pagare una/due persone responsabili che possano supportare e guidare i disabili in questo nuovo tipo di impegno.

Aggiornamenti: Il 17 ottobre abbiamo avuto avuto un incontro con una donna di Budapest che ha diretto per molti anni un laboratorio per persone disabili molto simile alla nostro. E’stata una conversazione molto buona perché ci ha permesso di avere utili consigli.

Nel mese di ottobre abbiamo fatto alcuni esperimenti con metodi pratici per la realizzazione di candele, e qualche volta abbiamo parlato delle modalità di funzionamento di questo laboratorio. Quando ha cominciato a piovere, ci siamo però accorti che il tetto è in pessime conditioni. Abbiamo quindi deciso di cambiare il tetto entro la fine di quest’anno, ma forse non possiamo riuscirci perché la Caritas Znojmo può dare aiuto solo per quest’anno. Inoltre, si calcola che sia possibile operare solo se ci pervengono donazioni. Avremo bisogno di 300 euro al mese per lo svolgimento di questo laboratorio. In futuro in questa casa vorremmo preparare anche un laboratorio di ceramica per disabili. Abbiamo anche bisogno di 3 tavoli per questo laboratorio, 15 sedie, un piano sedentario, mensole, ecc Sarà bene a ricevere queste cose dagli aiuti umanitari. (Miskolci Vasili ha inviato a Elia una e-mail a questo proposito, e ha anche inviato alcune foto).

Stato dell’operazione: ancora in corso, servono altri aiuti .

____________________________

OPERAZIONE: “CAMPAGNA ANTI-ABORTO”

Data: Ottobre 2009

Richiedente: Curia diocesana di Mocacevo

All’inizio dell’anno, il nostro Vescovo ha sottolineato l’importanza di combattere la diffusione dell’aborto, ed ha evidenziato l’esigenza di mettere a punto dei progetti operativi e delle campagne informative per i più giovani. Le attività sono state compiute grazie all’aiuto di volontari, ma per promuovere un piano efficace è necessario coinvolgere del personale specializzato e che operi a tempo pieno.

La richiesta di aiuto: La necessità è di coprire i costi per il personale che si dedicherà alla campagna di informazione a tempo pieno.

Aggiornamenti: Nelle giornate del 24 e 27 di settembre è stato organizzato un incontro con la partecipazione di alcune donne che hanno effettuato aborti in precedenza, del personale esperto proveniente dall’Ungheria e dei preti dalla diocesi. Nel mese di ottobre le autorità locali ci hanno dato il permesso di tenere delle conferenze nelle scuole. Per iniziare potremmo organizzarne una in una casa, così che anche le autorità locali possano partecipare e dirci quali scuole possiamo contattare per effettuarle. Pensiamo che sia una buona proposta e possa funzionare.Abbiamo ricevuto da svariati paesi parecchio materiale che potremmo utilizzare durante queste conferenze.Abbiamo inviato una lettera a tutte le donne che hanno partecipato al ritiro di settembre, incoraggiandole e invitandole a incontrarsi con uno di noi due volte al mese. Abbiamo iniziato così a organizzare degli incontri per queste donne. Avevamo distribuito il nostro numero di telefono e nel mese di ottobre abbiamo ricevuto delle telefonate da parte di alcune donne con diversi tipi di problemi e che avevano bisogno di aiuto.

Nel mese di ottobre non abbiamo ricevuto nessun tipo di aiuto finanziario in sostegno a questo progetto. Necessitiamo donazioni per proseguire con questo lavoro.

Stato dell’operazione: ancora in corso e in attesa di aiuti.

____________________________

OPERAZIONE: “TORNARE A UDIRE”

Data: Ottobre 2009

Richiedente: Una famiglia povera di Mucacevo

A Mucacevo vive un bambino di un anno e mezzo, sordo dalla nascita, che ha bisogno di essere operato urgentemente per riuscire a sentire e a parlare. Si tratta di un’operazione molto costosa, serve un impianto particolare che verrà spedito dall’Australia, e la sua famiglia non si può permettere la spesa, pari a circa 25 mila euro. La sua famiglia ha pensato di vendere la propria abitazione e di trasferirsi dai parenti per avere dei soldi disponibili, ma il prezzo delle case a causa dell’attuale crisi economica è sceso a tal punto che la vendita non sarebbe sufficiente.

La richiesta di aiuto. La necessità è di aiutare la famiglia del bambino a coprire i costi dell’operazione.

Aggiornamenti: Nel mese di ottobre abbiamo contattato il dottore Diego Zanetti,dell’Ospedale Civile di Brescia, tramite alcuni amici di Est-Portiamo questi ci ha dato la buona notizia per cui il ragazzo potrà essere sottoposto all’operazione. L’operazione sarà pagata da una fondazione benefica.( Layons club Brescia ).

La madre e la famiglia sono molto contenti. Abbiamo tradotto in inglese e inviato a lui tutti i documenti necessari 10 giorni fa, ma da quel momento non abbiamo avuto più alcuna informazione. Se è possibile, vogliamo sapere se veramente tale operazione possa essere svolta in Italia con questi documenti, e in quale mese avverrà.

Stato dell’operazione: ancora in corso in attesa di aiuti e di risposta da parte del dott. Diego Zanetti – Ospedale Civile di Brescia

____________________________

OPERAZIONE: “UN ACQUEDOTTO PER LE CASE FAMIGLIA”

Data: Ottobre 2009

Richiedente: Gruppo case famiglia di Rativtsi

Intorno all’area di Rativtsi abbiamo costruito due nuove case per bambini con 15 orfani (nel prossimo futuro apriremo una terza casa e successivamente stiamo pianificando l’apertura di una quarta casa. La costruzione del centro riabilitativo è già cominciata). Non c’è l’acqua comune nel villaggio, e l’acqua in tutta l’area ha una forte concentrazione di ferro e manganese. Quando costruiamo le condutture dell’acqua cerchiamo di trovare della buona acqua sotterranea in molti posti e a varie profondità ma senza successo. Da questi posti l’acqua arriva in tutte le case arriverà anche alle future costruzioni. Di conseguenza, in qualche anno l’acqua distruggerà le tubature, i bagni e i sistemi di riscaldamento (abbiamo già dovuto cambiare le caldaie due volte, perché sono stati intasati dal ferro). In più, ci saranno problemi per le prossime case.

Al momento, per bere dobbiamo fare arrivare dell’acqua potabile da un’altra casa. Le persone del villaggio hanno alcuni filtri domestici, ma abbiamo bisogno di un filtro ad alta efficienza (700 litri per ora).

Budget:

  1. Filtro per filtrare il ferro (modello 1354), due pezzi, 700€
  2. Filtro per una pulitura raffinata, 1 pezzo, 150€
  3. Lampada UV, 1 pezzo, 500€
  4. Pompa profonda automatica, Pedrollo, 1 pezzo, 420 €
  5. Pompa a livello automatica, Pedrollo, 2 pezzi, 810€
  6. Bunker per estrazione automatica 4 m3, 1 pezzo, 800€
  7. 3 tonnellate di cemento, 260€
  8. Ghiaia, 20 m3, 200€
  9. Trasporto e altri spese accessorie, 490€

Totale 10630€

La richiesta di aiuto: La necessità è di riparare l’acquedotto delle case casa famiglia, servono aiuti, magari inviando un’impianto di filtrazione . Dalle nostre analisi abbiamo rilevato che il livello di ferro nell’acqua potabile non deve superare 0.3 mg / dm3. In questa acqua ce ne sono 8,8 mg! In più nell’acqua potabile il livello di manganese deve essere inferiore a 0,1 mg/dm3, mentre noi ne abbiamo 0,22mg.

Aggiornamenti: In data 6 Novembre 2009 Ference Feher informa che i francescani d’Austria intervengono con una cifra pari a circa 10.000,00 Euro circa.

Stato dell’operazione: la necessità per realizzare l’impianto è ancora di soli 1000,00 Euro

____________________________

OPERAZIONE: “LICEO DI MOCACEVO”

Data Luglio 2009

Richiedente: Liceo cattolico di Mocacevo

Nel mese di luglio le autorità statali hanno comunicato al Liceo cattolico di Mocacevo che a partire dal 1° settembre 2009 non possono più finanziare le lezioni. Negli ultimi 5 anni l’erogazione delle istituzioni è stata pari a 750 euro al mese.

La richiesta di aiuto. La necessità è di trovare altri finanziamenti per le scuole gestite da religiosi e che non ricevono più un sussidio dallo stato.

Aggiornamenti Dal 1° di ottobre lo stato taglierà i finanziamenti anche alle chiese protestanti e greco cattoliche che gestiscono un liceo in Transcarpazia. Insieme con le altre chiese la Caritas sta provando a rinnovare i finanziamenti statali ma senza successo. I soldi basteranno fino a dicembre, ma da gennaio?

Stato dell’operazione: ancora in attesa di soluzione.

____________________________

OPERAZIONE: “CASA FAMIGLIA A RATIVTSI”

Data:Ottobre 2009

Richiedente: Centro case famiglia di Rativtsi

Una coppia sta cercando di aprire, tramite la Caritas Diocesana, una nuova casa famiglia per bambini a Rativtsi. La speranza era quella di partire per il mese di novembre, ma non hanno abbastanza soldi per finire i lavori di costruzione. Ci sono già le fondamenta, i muri, il tetto, le finestre, alcune porte e il sistema di riscaldamento. Mancano ancora però i bagni, le piastrelle, il tinteggio della casa, ecc…

Aggiornamenti: Nel mese di ottobre il lavoro è continuato con il completamento del terzo orfanotrofio a Rativtsi. Manderò qualche foto a riguardo. Abbiamo in programma di terminare questa casa il 20 di novembre. La cerimonia di apertura della casa sarà l’11 dicembre. Ci aspettiamo che siano presenti tutte le persone e le organizzazioni che ci hanno aiutato a costruire questa casa.

Richiesta di aiuto. Salvo imprevisti si può considerare rientrata

Stato dell’operazione: Quasi conclusa!

____________________________

OPERAZIONE: “SPESE MEDICHE e OSPEDALIERE”

Data Ottobre 2009

Richiedente: Alcune famiglie povere

Tre famiglie povere hanno richiesto l’aiuto della Caritas per sostenere i costi delle operazioni mediche necessarie ai loro cari.

La richiesta di aiuto: La necessità è di trovare finanziamenti per pagare le spese mediche necessarie per le operazioni.

A -Una bambina di 14 anni ha bisogno un’operazione ad entrambi gli occhi. Se non verrà operata a breve (1 mese e mezzo) diventerà ceca. La somma dell’operazione è di 1.150 euro.

Stato dell’operazione: Questa famiglia ha ricevuto l’aiuto necessario dalla Fondazione Francescana (Budapest).

B-Un uomo di 38 anni (sua moglie è disoccupata e hanno due bambini) ha avuto un incidente e la sua gamba è gravemente danneggiata. L’operazione costa 1.300 euro.

Stato dell’operazione: Questa famiglia ha ricevuto l’aiuto necessario dalla Fondazione Francescana (Budapest).

C -C’è una bambina di 14 anni che ha un serio problema alla spina dorsale (è piegata). L’operazione verrà effettuata a novembre a Charkov. La somma richiesta per le spese mediche è di 3.700 euro.

Aggiornamenti: A settembre ti ho scritto di questa ragazza, e ti ho anche scritto che l’operazione sarà a novembre a Kharkov e la somma necessaria è 3.700 euro. La fondazione francescana in Ungheria non può aiutarla a causa della mancanza di denaro. Ma se l’operazione di Sidorenko Sergely avverrà in Italia, il consiglio della Fondazione francescana ha deciso di dare quei soldi (che avevano in precedenza deciso di dare a Sidorenko Sergely) a questa ragazza invece. Servono circa 2.180 euro. La famiglia ha ricevuto un prestito dalla banca in modo da avere il tempo di aspettare che cosa si deciderà per Sidorenko Sergely e poi dare questi soldi alla famiglia di Victoria Molnar. La distorsione della colonna vertebrale della ragazza è di più di 40 gradi (l’operazione è necessaria oltre 30 gradi).

Stato dell’operazione: Questa famiglia sta attendendo un possibile aiuto dalla Fondazione Francescana (Budapest), per maggiori informazioni leggere l’aggiornamento.

____________________________

OPERAZIONE:“MICROBUS JASIGNA”

Data:Ottobre 2009

Richiedente: Caritas Jasigna

A Jasigna la Caritas usa uno scuolabus per 26 bambini. Al momento usano due vecchi microbus in pessime condizioni. Abbiamo speso molto denaro per la riparazione di questi autobus. Vogliamo comprare uno nuovo il cui costo è di 26.000 euro, vendendo gli autobus vecchi siamo in grado di ricevere 10.000 euro.

Richiesta di aiuto. abbiamo bisogno di 16.000 euro.

Stato dell’operazione: ancora in corso in attesa di aiuti.

____________________________

OPERAZIONE:“MEDICINALI PER RAGAZZO LEUCEMICO”

Data:Ottobre 2009

Richiedente: famiglia povera di Solotvino

Una famiglia di Solotvino ha chiesto aiuto perché un loro figlio di 17 anni è affetto da leucemia. La diagnosi: Leucemia acuta linfoblastica. I medici hanno detto che ha bisogno di un trapianto di midollo osseo che costa 150.000 euro. Non è possibile raccogliere una tale somma. Forse la famiglia cercherà un altro metodo di trattamento medico (imatinib), che però richiede comunque una gran quantità di denaro e molti medici in Ucraina non conoscono questo farmaco (Abbiamo comprato questo per Hadar Tibor alcuni anni fa, questo ragazzo è ora in una condizione molto buona, si è sposato il mese scorso!). Ti invierò una foto di questo ragazzo. Il suo nome è Pinter Ruslan.

Richiesta di aiuto. sono necessari circa 1000€ per un mese.

Stato dell’operazione: ancora in corso in attesa di aiuti.

____________________________

OPERAZIONE:“INTERVENTO CANCRO AL CERVELLO”

Data:Ottobre 2009

Richiedente: Caritas Mocacevo

Una famiglia cattolica di Velikij Bereznij ha chiesto il nostro aiuto per uno dei loro bambini. Il piccolo ha 4 anni e ha un tumore alla testa (Tumore alla Sella Turcica). I dottori di Kijev hanno detto che non lo possono curare.La famiglia ha un contatto in Israele e il figlio è già stato sottoposto là a 10 chemioterapie. Il risultato è buono. Ma lui deve farne ancora altre 32 nel corso dei prossimi mesi. Ogni chemioterapia costa 800 dollari. La famiglia ha venduto la propria auto e si è fatta dare prestiti da amici, parenti e mediante altre donazioni. Stanno cercando aiuti attraverso diversi mezzi, e saranno molto contenti se riusciremo ad aiutarli, anche solo in parte, nella raccolta fondi.
Hanno creato un sito web, qui ci sono maggiori info: www.ivan-help.in.ua

Richiesta di aiuto. Ora hanno soldi sufficienti per i prossimi 3 mesi (16 chemioterapie), ma sono necessari altri fondi per i restanti 3 mesi. Hanno bisogno di circa 12.800 euro.

Stato dell’operazione: ancora in corso in attesa di aiuti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>